Paesi Produttori di Petrolio: Quali sono i Maggiori Produttori nel Mondo

Il petrolio rappresenta una risorsa naturale fondamentale per la produzione di energia. L’uomo, da oltre un secolo è alla ricerca di giacimenti petroliferi per poter sfruttare questo importantissimo elemento. La ricchezza di molti paesi viene assicurata proprio dalla presenza di numerosi e importanti giacimenti petroliferi e soprattutto dalla possibilità di estrarre in maniera più o meno semplice il petrolio da tali giacimenti. 

Il petrolio si trova localizzato in zone geografiche ben precise che sono state caratterizzate, nel corso delle epoche geologiche, da particolari fenomeni che hanno poi portato all’accumulo di materiale organico all’interno del sottosuolo. Si ricorda infatti che il petrolio è derivante completamente da materiale organico decompostosi in particolari condizioni e tempi. Pertanto, i paesi che sono in grado di assicurare la massima produzione di petrolio sono quelli le cui terre hanno nascosto, per millenni, zone di decomposizione di materiali organici. 

I primi tre paesi produttori di petrolio: Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti

I paesi in grado di produrre ed esportare petrolio sono diversi: ai primi posti si trovano tuttavia l’Arabia Saudita, la Russia e gli Stati Uniti. Si tratta di stati in grado di produrre, insieme, oltre il 30% del petrolio estratto al mondo. Va sottolineato che l’elenco dei tre paesi è stato trascritto in ordine alfabetico: non sempre, infatti, è facile definire quale dei tre Paesi produca maggiormente rispetto all’altro. La produzione dipende infatti dagli anni: si può tuttavia dire che dal 2014 tutti e tre sono in grado di assicurare una produzione che si aggira tra i nove e gli undici milioni di barili al giorno. In particolare va sottolineato che gli Stati Uniti stanno registrando una crescita nella produzione che, secondo le previsioni, li porterà ad essere nuovamente un paese dominante, proprio come durante gli anni Cinquanta del secolo scorso

Il petrolio estratto da questi tre Paesi viene utilizzato non solo per le esigenze energetiche proprie, ma anche per l’esportazione. Sono in molti, infatti, gli stati che importano il petrolio perché il loro sottosuolo non è in grado di fornire questo tipo di risorsa o perché ne fornisce troppo poca per poter sopperire alle richieste nazionali. Bisogna infatti ricordare che il 40% circa dell’energia che viene utilizzata quotidianamente deriva da fonti alimentate a petrolio. La percentuale cambia drasticamente se si pensa invece ai trasporti: in questo caso circa il 90% dei trasporti fa uso di carburanti derivanti dal petrolio per la locomozione

Paesi Produttori di Petrolio

Dalla quarta posizione in giù

Una particolarità dell’elenco dei principali paesi produttori di petrolio al mondo è che i primi tre producono una percentuale di olio nero molto maggiore rispetto a quella dei paesi che seguono. Se, infatti, Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti coprono ciascuno circa il 10% della produzione, il paese al quarto posto, ossia l’Iran, arriva solo a poco più del 5%. Anche la Cina, che negli ultimi anni ha evidenziato uno sviluppo in forte crescita, è un importante paese produttore di petrolio. Il suo contributo è di circa il 5%. Con un valore di poco più del 4%, il Canada si trova al sesto posto nell’elenco dei paesi produttori di petrolio, seguito da Emirati Arabi Uniti, Messico, Kuwait, Iraq e Venezuela. Questi presentano percentuali di estrazione sulla produzione totale compresa tra il 3 e il 4%. 

Produttori, consumatori ed esportatori

Quando si parla di produttori di petrolio si intendono esclusivamente gli Stati che presentano, sui propri territori, giacimenti petroliferi attivi. Bisogna tuttavia considerare che non sempre un’elevata produzione corrisponde a un altrettanto elevato consumo o esportazione. Ad esempio, per quanto riguarda il consumo di petrolio va sottolineato come in terza posizione vi sia il Giappone. Questa nazione non presenta giacimenti petroliferi ma fa ampio utilizzo dell’olio nero che, pertanto, viene completamente importato. Tra i Paesi che maggiormente esportano il petrolio vi sono è l’Arabia Saudita mentre gli altri due principali produttori, ossia Stati Uniti e Russia fanno uso del petrolio soprattutto per esigenze nazionali.

Disclaimer
prezzodelpetrolio.com è un sito con finalità esclusivamente didattiche, i contenuti presenti non devono essere intesi in alcun modo come consiglio operativo di investimento né come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio. Qualunque strumento finanziario venga eventualmente citato é solo a scopo educativo e didattico. Gli articoli di questo sito non costituiscono servizio di consulenza finanziaria né di sollecitazione al trading online.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria. Tra il 66 e l'89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro. Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.